Il 5 giugno scorso, in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente, Lione e Véolia hanno presentato interessanti progetti in favore dell’ambiente.

Véolia è da dieci anni sponsor del Lione, la squadra di calcio femminile vincitrice del campionato francese 2019-2020. Il noto brand e il club più titolato di Francia intendono realizzare programmi mirati principalmente al riutilizzo e riciclo dei materiali.

La società del Lione sul proprio sito ufficiale afferma che “diventare ufficialmente Partner Ambientale del club significa costruire insieme e implementare un programma ambizioso mirato al risparmio delle risorse, all’eco-design, al riutilizzo e al riciclaggio”.

A seguito di questa dichiarazione viene notificato il rinnovo per altre due stagioni (fino al 30 giugno 2022) della collaborazione che permetterà al Lione di essere tra le primissime società di calcio a lanciare un progetto ambientale globale.

Da questa collaborazione sono state ideate delle maglie realizzate interamente con materiale riciclato che verranno indossate dalle calciatrici durante gli allenamenti della prossima stagione.

Inoltre, ogni atleta sarà dotata di una bottiglia personale riutilizzabile realizzata con materiali riciclati Véolia, in modo da sostituire le bottiglie in plastica monouso.

Non appena gli spettatori torneranno allo stadio saranno organizzati attività volte alla sensibilizzazione a tema ambiente come il corretto comportamento riguardante la raccolta differenziata e il risparmio dell’acqua e dell’energia.

Infine, anche le giocatrici si sono ampiamente mobilitate per sostenere questi temi, in particolare attraverso una nuova campagna di sensibilizzazione attuata per tutto il mese di giugno.

“Particolarmente attenti alle tematiche ambientali, soprattutto dopo la costruzione dello stadio, ci è sembrato naturale rafforzare il nostro legame con Véolia , nostro partner di lunga data, nel sostenere il nostro programma ambientale. Il Lione è lieto di dare oggi un nuovo impulso alla sua collaborazione con Véolia e di poter contare sulle sue competenze per lo sviluppo di un progetto aziendale ecologicamente virtuoso”. Così chiude Jean-Michel Aulas, presidente del club.